2010 Gravity Team Forum

2010 Gravity Team Forum
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Album Fotografico | Download | Giochi | Chat | Cerca | FAQ ]
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Community 2010 Gravity Team
 ENDURO
 Gara Enduro a Spoleto... Finalmente ci siamo!
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Pagina Precedente
Autore Discussione
Pagina: di 6

pisolo
Amministratore



Umbria


4790 Messaggi

Inserito il - 04/06/2015 : 17:42:39  Mostra Profilo Invia a pisolo un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Bravi bravi ragazzi, sono contento x voi che tutto sia andato liscio e la gara sia riuscita alla grande.
Torna all'inizio della Pagina

pierlo8961
Moderatore



Umbria


3835 Messaggi

Inserito il - 07/06/2015 : 20:04:03  Mostra Profilo Invia a pierlo8961 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
@ Moris

questa non te a passo... ".... siamo partiti male ...."
male dove e de che ? (io sono partito male, l'attacco di "panico" a momento lo faccio tutto cuturando).

I problemi da affrontare li conoscevamo (quasi) tutti, i dubbi ci hanno sempre attanagliato, abbiamo provato a rigirare l'ordine della PS, abbiamo trovato il modo di allungarle..... le abbiamo pulite, leccate.... faticato come bestie, specialmente l'ultima settimana.

Non ci trovo nulla che non sia andato a posto giusto (e se anche un pò di cuxxlo ci vuole e ce lo siamo meritati !).

Il vero unico neo, ripeto, è stato quello di avviare il battage pubblicitario troppo in anticipo rispetto ai lavori di preparazione e questo - sicuramente - ha trasmesso una immagine impropria delle reali potenzialità di questa prova. (qualcuno aveva già suggerito di pulire bene le tracce ma forse, nelle foga, diciamo.... non è stato compreso)

Questa gara l'ho sempre detto, ha le sue particolarità: tosta al punto giusto, veloce per chi la sa affrontare, atipica nella location . Risalita dura ? Si, è vero, è stato sempre il mio dubbio ma è stata ben gestita con due punti ristoro e tempi adeguati... e poi... birra ghiacciata all'inizio della PS3.... (ma anche coca cola, the ....) ma dove le trovi 'ste figate ?

Una molteplicità di situazioni che sono l'essenza della disciplina, dove occorre mettere in risalto le doti di guida sul ripido, sul veloce, sulle pietre, nel sottobosco guidato.

Ciliegina finale: il trasferimento all'area paddok in discesa ! Vi assicuro che è stato apprezzatissimo ! pasta party a volontà e bastava quello ma poi paninazzi, salsicce, birra.... e dai.... l'esperienza ce la rivendiamo, ci copieranno !

Questo Appennino Enduro Trophy è partito bene, alla seconda prova già si va a mille !

e noi ?

Bè, Kris ha già detto di te Moris e di te Urmu (ma anche di Paolo Antonio presente dietro le quinte).

la complessità del progetto non era realmente alla portata del Ventidieci e questa consapevolezza spero abbia fatto riflettere sul perchè il team non si sia buttato autonomamente sul progetto. Ma ci siamo stati, in una collaborazione il MTB Club Spoleto, che ha messo un campo un mucchio di persone e che ha avuto in Luca Minestrini, uno "schiacciasassi" che ha sgombrato il campo da tutte le questioni burocratiche e ha saputo ben tenere le fila dal più alto punto organizzativo. Noi ci abbiamo messo quello che potevamo, critiche, suggerimenti, mano d'opera, il furgonazzo che è stata l'icona di un rovente fine settimana.

In gara il Ventidieci era poco rappresentato ? Certamente, ma è altrettanto vero che parliamo di una disciplina alla quale non tutti si sentono votati e comunque all'appuntamento il Ventidieci non è mancato e la nostra figura l'abbiamo fatta con la new-entry Roberto Liberati che senza vergogna ha messo tutti in riga in categoria Front e.... ha guidato alla cieca.

Tutto questo per dire che una collaborazione così, tra due team, senza supporto di negozi, mettici anche con qualche momento di tensione, è stato una grande successo sia per il Campionato AET, sia - e soprattutto - per tutti quelli che ci si sono impegnati mossi da grande passione e la grande affluenza ha dato ragione a tutti.

Mi applaudo anche io !



la fiamma brilla sempre verso l'alto, anche se la candela è rivolta a terra..
Torna all'inizio della Pagina

pierlo8961
Moderatore



Umbria


3835 Messaggi

Inserito il - 07/06/2015 : 22:11:32  Mostra Profilo Invia a pierlo8961 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
..... 2 giugno 2015

si direbbe 10 settembre 2015, primo giorno di scuola, tanto il nervosismo che mi attanaglia !

Che diavolo, ho "pistato" (nel vero senso del termine) le tracce in lungo e in largo, con la pala, con il rastrello. Cosa c'e' che oggi non va ? Mentalmente posso ripercorrere i percorsi (ad eccezione della PS2 modificata.... sarà per me una novità assoluta), cosa c'e' che non va ?.

Si parte alla grande, sembriamo dei prof mentre scendiamo dalla rampa accompagnati da applausi e scatti del fotografo, poi su per il "golgota" a piedi per conquistare il tracciato della vecchia ferrovia. Il tempo per presentarsi al cancelletto della PS1 è comodo, ma sono nervoso e faccio girare le gambe più di quanto devo, vado veloce anche se non serve e me ne accorgo quando comincio a tirare il fiato, mi impongo un passo più consono ma già penso a come sarà la risalita verso la PS2.... il mio vero incubo !

Cancelleto di partenza PS1... si prepari per il controllo il numero 59 Pier Luigi Ascani ! Le hai indossate le protezioni ? Certo, posso levarmi il casco ? tanto "sotto" non c'e' niente ! La bella cronometrista mora ride e mi fa "non siete normali, non vi invidio" ma oramai hanno già chiamato i '5 secondi' e ho solo tempo per due bei respironi e poi.... via quattro botte di pedale per arrivare sul muro di "panico".
Com'e' il muro ? Spiegami mi chiedeva Roberto che non aveva mai provato: ripido ma tu entra dal lato sinistro e appena vedi la pendenza tutto a destra e non ti preoccupare è ripido, scassato ma è di roccia ferma, vai tranquillo.
E che ce vole ? l'avevo anche "suggerito"... ma allora per quale diavolo di motivo arrivo lungo a sinistra, freno, la bici perde aderenza al posteriore che rimane "affezionato" al solco DX, quello "più brutto".... perchè ? perchè sei un coglione! Sei salito con due canotti non con due maxxis.... perchè non hai sgonfiato? Ecco quello che in un lampo mi è frullato in testa mentre cercavo di convincere la mia Reign a rimettersi in carreggiata.... macchè, una scivolata che sembrava infinita, un tricheco avrebbe fatto di meglio.

Quando riprendo il controllo l'agitazione era al massimo, arrivo al bottino sul tratto bagnato che scivolavo alla grande. Calma. mi impongo la calma, adesso comincia il tratto pulito, l'ho pulito io, che cavolo ! infatti riesco a riprendere il via lungo il ripido, destra , rilancio, ripido destra sinistra un pò di rocce e sassi.... quelli che mi sono ostinato a non voler togliere per lasciare un pò di brivido. CAXXXO, ma sarò stato un coglione ?
DESTRA ! sento dietro di me ! Cavolo, ma già è arrivato quello partito dopo di me ? Perchè vado così piano? E poi a sinistra non ci vado, ci stanno i sassi e poi il nulla.... quello però mi supera ugualmente.

Arriva il tratto nel bosco, preludio a toboga1 e toboga2.... mi accordo che sto frenando da pazzi, che ho sempre tenuto il dito "appoggiato" (diciamo così) sul freno perchè quando vado a staccare per l'ingresso de primo toboga, il freno cede quasi immediatamente.... che spettacolo! forse è stato proprio questo a risvegliarmi .... sono riuscito a fare toboga1 e toboga2 senza poter contare su un buon freno, forse per quello che qualcuno mi gridava "vai vai"... grazie, senza freni sono buoni tutti !

Termino la prova un pò rabbuiato, con una performance da dimenticare, qualche parola di incoraggiamento da qualcuno che mi chiama per nome ma non riconosco (non avrei riconosciuto nemmeno mia madre !) e ricomincio a pedalare.
La salita è lunga, molto lunga ma, inaspettatamente, micio-micio (come direbbe mio fratello) riesco ad amministrarmi. Arrivo al primo ristoro e faccio il pieno d'acqua e poi riparto. Bene adesso comincia la parte più impegnativa: raggiungere il paese della Vallocchia e da lì salire su fino ai trocchi, una salita che può anche indurti a cambiare religione !
Fulvio, nella sua nuova livrea "Esercito Italiano" si affianca e mi fa notare che a piedi sono 23 minuti, ne abbiamo ancora 40 quindi giochiamoceli bene.... Signorsì certo signore !
Al secondo ristoro avrei voluto mangiare tutto (anzi, a dire il vero, da qualche finestra del paese proveniva un profumo d'arrosto.... io sono molto sensibile a mantenere vive e onorare le nostre tradizioni, però oggi no, vi prego !).
Comincia il calvario, il sole è implacabile, mi impongo 50 passi e dieci respiri di sosta.... anche gli altri non se la passano mica bene; qualcuno tenta la salita in bici ma poi desiste.
Finalmente i trocchi: una bella rinfrescata e poi grondante d'acqua mi assesto al cancelletto di partenza. Comincio ad avvertire le prime insorgenze di crampi: peccato, la PS2 è la mia preferita e una buona gamba mi avrebbe fatto comodo. Si parte, la ps si snoda nel primo tratto fettucciato sul prato, non spingo per preservare la gamba, la utilizzerà più sotto in pieno rettilineo.
la pS2 è sempre mitica, benedico chi l'ha ripulita, vado veloce, potrei tirare di più ma le gambe bruciano, la fox180 davanti divora tutto, mi diverto.... arrivo alla fine in un lampo, ora c'e' da pedalare, rialzo il reverb e provo a darci giù.
Macchè ... il quadricipite sx e immediatamente il polpaccio dx si ammutinano.... e dai, ancora uno sforzo piccolo piccolo... sono stremato, ma aggredisco al massimo il trasferimento sullo stradone sconnesso..... 54 km/h ! forse recupero un pò del tempo perso....
ma qant'è lugo questo tratto ?
Oddio, forse ho saltato l'ingresso per l'ultimo tratto ! Speriamo di no !
Laggiù c'e' un tizio vestito di blu ! speriamo che sia lì.

E' proprio l', il tizio (mi sembrava una donna, ma nello stato in cui ero uomo o donna non faceva differenza) mi indica la traiettoria solo agli ultimi dieci metri.... mi attacco ai freni , non ce la farò mai ad entrare nel bosco, devo anche abbassare il reverb - che detto tra noi non gliene fotte nulla dei comandi che gli sto dando.... ci credo, stavo pigiano il manettino del cambio !

Vabbè, entro nel bosco e si scatenano i crampi ! Noooo... proprio adesso, non ce la faccio a pedalare, i sali-scendi nel fosso sono terribili in uscita... perdo inesorabilmente velocità, ancora qualcuno mi incita e mia chiama per nome ....oramai vedo le fotocellule, anche questa è fatta, sono soddisfatto comunque sia andata, ora l'ultimo chilometro e mezzo di trasferimento è alla mia portata, anche se ci vado camminando.
Così faccio, la camminata evita i crampi e la cosa è di grande sollievo per lo spirito. Arrivo alla partenza della PS3, acqua, coca-cola, birra. the.... si , avete letto bene, una cassettina di birra ! Ed ancora la cronometrista mora della PS1.... le sorrido, "i nostri destini, oggi, si incrociano..." lei ride e mi dà il via.
Quattro pedalate, ma proprio quattro sono in economy-run e devo accontentarmi per prendere velocità, il fondo è perfetto, il temporale di due giorni prima ha abbassato la polvere e la tenuta è buona. vado veloce fino al tratto rilanciato ... 100 metri di passione che faccio nemmeno io so come e poi ricomincia il ripido.
Questa è la PS3, ci abbiamo fatto anche un'uscita notturna, si chiama NukeProof perchè Michele "Nukeproof" è stato uno di primi a proporla nei nostri giri.... il muro, le nuove paraboliche, il salto finale e poi.... poi ancora 100 metri pedalati, una coltellata al cuore !
Sono costretto a pedalare il "rampichino" fino alla "gabbia dei criceti", così mio fratello Kris ha ribattezzato la nuova variante creata da Urmu & PaoloAntonio: loro più professionali hanno dato nomi tipo "compressione", "muro pippaculo", "rock-garden". Il muro "pippaculo" lo evito accuratamente, già da sveglio mi sta sulle balle, figuriamoci ora che sono cotto a puntino !
Ecco l'ingresso del rock-garden, mi si illumina il cuore, un single track cazzuto in mezzo a rocce e brutture varie, ringrazio la Fox, la Giant prima dell'ultimo sforzo prima del traguardo: che visione l'ultima fotocellula ! Che godimento !... mi avranno pure cronometrato con il calendario ma che soddisfazione... quanto mi sono divertito... e che facce tutti quelli che arrivavano, stanchi, ma divertiti: una vera ricompensa per chi ha lavorato duro per preparare questa tappa.

Si torna al ristorante, il trasferimento questa volta è tutto in discesa all'ombra, si ride, si scherza, raccolgo una valanga di complimenti (non per la prestazione, ma per l'organizzazione)....

Il ristorante la Macchia è un brulicare di mille persone, atleti, team, supporter, spettatori .... finalmente servono il pastaparty... tanta pasta per tutti e poi birra, salsicce e paninazzi ma soprattutto il piacere di parlare con i biker, gli otre 120 che hanno partecipato, sudato, sofferto, ma che si sono tutti complimentati, tanti nuovi amici conosciuti per l'occasione, qualche volto nuovo da associare ai contatti del social network, e poi gli amici di sempre, quelli che incontri da anni sui campi di gara.... quelli che contano !
Mio fratello Kristian si aggira con una pacchetto di ghiaccio fasciato introno al polso, è vistosamente dolorante ma con un sorriso a 60 denti ! Racconta che "..dolorante, già sfinito (la caduta ha fatto come una pizzicatura su una camera d'aria..mi aveva svuotato) con la busta del ghiaccio legata sul polso, con una mano sul manubrio, quando sono arrivato alla prima galleria, e mi sono accorto di aver perso il faretto, di essere solo al buio, mi sono messo a piangere come un bambino..." Roba da Super Eroica !
Bello, bellissimo, la fatica è un ricordo, mi complimento con Maurizio "Urmu" Mariani, con Moris, con Luca Minestrini.... si susseguono gli annunci dei podi: Chinucci Pietro, "Zio Sam", Gambelunghe (vado a memoria, mi perdonino tutti gli altri) fino a quando: Roberto Liberati 1' categoria "front" , pilota debuttante del 2010gravityteam..... il fuxsia ancora sul podio!





Immagine:

138,12 KB

Immagine:

484,34 KB

Immagine:

414,94 KB

la fiamma brilla sempre verso l'alto, anche se la candela è rivolta a terra..

Modificato da - pierlo8961 in data 07/06/2015 22:21:39
Torna all'inizio della Pagina

pisolo
Amministratore



Umbria


4790 Messaggi

Inserito il - 07/06/2015 : 23:34:19  Mostra Profilo Invia a pisolo un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
bellissimo racconto grande pierlo e grandi chi ha partecipato alla gara
Torna all'inizio della Pagina

Moris
Utente Master



Umbria


725 Messaggi

Inserito il - 08/06/2015 : 17:02:04  Mostra Profilo Invia a Moris un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Bella Gigi, bel Report.
Rileggere queste imprese fa sempre piacere e lasciamo stare se ci prendono i tempi con il calendario, alcune volte arrivare al traguardo è la cosa che conta di più!!
Il prossimo anno metto a punto ancora meglio l'organizzazione e corro anche io.
Rosico troppo a leggere i vostri report!

Tu, le tue gambe e la tua bici...
Torna all'inizio della Pagina

pierlo8961
Moderatore



Umbria


3835 Messaggi

Inserito il - 20/06/2015 : 16:49:42  Mostra Profilo Invia a pierlo8961 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
leggiquisivuplètankiù.....

siamo su MTB-CULT !

http://www.mtbcult.it/51127/chinucci-e-il-primo-tra-i-120-partecipanti-alla-spoletonorcia-enduro/

la fiamma brilla sempre verso l'alto, anche se la candela è rivolta a terra..
Torna all'inizio della Pagina
Pagina: di 6 Discussione  
Pagina Precedente
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
2010 Gravity Team Forum © 2010 Gravity Team Torna all'inizio della Pagina
Pagina generata in 0,23 secondi. Snitz Forums 2000